Tablet e ipad a Scuola: una sfida per la didattica del futuro

Dettagli

Si è chiuso il corso di formazione che 4 docenti dell’Istituto comprensivo “Bruno da Osimo” hanno tenuto a un gruppo di insegnanti del “Tacchi Venturi” di San Severino. Le maestre di Osimo hanno condiviso la loro esperienza di metodologie innovative approfondendo diversi temi: dall’integrazione della tecnologia nella didattica all’individuazione del compito autentico, dall’utilizzo di App e Tool alla programmazione di team nell’ottica dello sviluppo delle competenze. In tre giornate hanno alternato momenti di lezione ad attività laboratoriali in cui le docenti si sono esercitate con i nuovi strumenti didattici e hanno sperimentato una diversa modalità di progettazione. Tale formazione consentirà di avviare percorsi innovativi dal punto di vista didattico e metodologico con l’utilizzo di nuovi strumenti come tablet e iPad, di cui l’Istituto è dotato sia alla Primaria che alla Secondaria. “È stata un’esperienza davvero utile e stimolante – dicono le insegnanti – perché le attività proposte dalle colleghe di Osimo sono frutto di sperimentazione e  di ricerca, nonché  di lavoro quotidiano che esse svolgono in aula con gli alunni. Ci siamo confrontate con App e Tool, con la didattica per competenze, compiti autentici e Flipped classroom. A proposito di questo - scherzano le insegnanti - ci siamo sentite un po' flipped, cioè capovolte, anche noi, sia perché siamo tornate alunne, sia perché si è aperto uno scenario didattico tutto  nuovo e molto coinvolgente, tanto che ora condividiamo in Drive, presentiamo la lezione con Thinglink, prepariamo insalata di parole con Wordsalad e realizziamo i nostri video con Tellagami. Ma la cosa più importante non è l’aspetto tecnologico in sé, dal momento che i ragazzi ne sanno più di noi. Ciò che innalza il livello dell’insegnamento è capire la straordinaria potenzialità didattica dei nuovi strumenti, non solo perché più vicini al mondo dei giovani, ma soprattutto per  le connessioni delle conoscenze e dei saperi che essi offrono. In questo campo è un compito fondamentale della scuola – concludono le docenti – veicolare idee corrette sull’uso consapevole dei nuovi strumenti tecnologici”. Le insegnanti del “Tacchi Venturi” si complimentano con le colleghe formatrici della Primaria “Arcobaleno” di San Biagio di Osimo, Simona BaccaniSilvia BrazzoniNicoletta Cappanera e Stefania Giachè, per la professionalità e la passione dimostrate nei tre incontri di formazione e le ringraziano calorosamente per la pazienza e la disponibilità con cui hanno seguito i gruppi di lavoro. La loro simpatia inoltre ha reso il corso un piacevole momento di incontro. Un ringraziamento doveroso va anche al Dirigente scolastico Sandro Luciani che ha promosso tale esperienza nella prospettiva di una scuola in linea con i tempi e pronta a dare risposte adeguate alle nuove sfide educative del futuro.
 

   

Ultime notizie  

Scritto il 23/11/2017, 12:52
82
Scritto il 23/11/2017, 12:51
21
Scritto il 19/11/2017, 22:04
48
Scritto il 13/11/2017, 10:23
93
Scritto il 08/11/2017, 07:57
158
Scritto il 07/11/2017, 19:54
101
   
© Istituto Comprensivo 'P. Tacchi Venturi' - San Severino Marche (MC)