Prevenire il bullismo

Dettagli

Lo scorso anno l’incontro con gli agenti della Polizia postale. Quest’anno si triplica. L’Ic Tacchi Venturi diretto da Sandro Luciani non intende abbassare la guardia su un fenomeno che non sembra attecchire a San Severino ma contro il quale l’attenzione deve rimanere sempre desta. Soprattutto quando la fascia di età come quella dai 12 ai 14 anni può presentare un oggettivo tasso di vulnerabilità. Mentre un altro incontro vedrà protagonisti gli alunni delle cinque classi di seconda con la Polizia postale, si è già aperto il costruttivo trittico con tre esponenti della Questura di Macerata e si chiuderà la terna con i rappresentanti dell’Asur. A catalizzare l’attenzione del gruppone di alunni di seconda media sono stati, nello spazioso atrio del Tacchi Venturi, il funzionario della Questura Edoardo Polce, l’ispettore Francesco Falco e l’agente Luisiana Marchello. Educazione alla legalità, rispetto delle regole, la costituzione; ed ancora: i pericoli della rete, il bullismo ed il cyberbullismo, per terminare con le piaghe delle dipendenze da droghe, alcool e gioco d’azzardo. Particolare attenzione è stata riservata al bullismo in chiave di prevenzione, con il reiterato invito degli agenti agli studenti a parlarne con i famigliari, gli insegnanti e, nei casi di maggiore gravità, con le forze dell’ordine se avessero problemi di questo tipo. Al termine di una mattinata in cui i ragazzi sono stati chiamati a ragionare su alcuni fenomeni oltremodo negativi dell’attuale società, è stato esauriente il commento del funzionario Polce: “I bulli hanno bisogno di pubblico per alimentare gli atteggiamenti di prevaricazione, mentre la droga esisterà finché c’è mercato, quindi richiesta di stupefacenti da chi vuole farne uso”. Sarebbe sufficiente non guardare o commentare in Rete le malefatte dei bulli o non acquistare stupefacenti per comprimere tali fenomeni. Il lavoro sulla prevenzione continuerà in quest’ottica con altre due tappe del progetto “Tra palco e realtà”, in cui rientrano i tre incontri degli studenti con forze dell’ordine e sanitari, attraverso la realizzazione di laboratori artistici, dopo le vacanze di Natale, in cui gli alunni rielaboreranno i concetti appresi durante gli incontri in un messaggio indirizzato a coetanei e famigliari. Per poi terminare, in aprile, con la messa in scena delle opere preparate nei teatri comunali di San Severino, Pollenza e Monte San Giusto.

   

Ultime notizie  

Scritto il 13/11/2017, 10:23
67
Scritto il 08/11/2017, 07:57
114
Scritto il 07/11/2017, 19:54
75
Scritto il 03/11/2017, 09:09
86
Scritto il 31/10/2017, 10:57
154
Scritto il 30/10/2017, 18:48
139
   
© Istituto Comprensivo 'P. Tacchi Venturi' - San Severino Marche (MC)